Risultato innesto acero

Dopo circa otto mesi dall’innesto per approssimazione, stasera mi sono deciso a slegare per vederne il risultato. Prima ancora di togliere il nastro e il mastice, vedere il nuovo rametto con uno spessore maggiore dopo l’innesto fa ben sperare..
Slegato tutto e tolto il mastice infatti si vede che il callo ha cominciato ad inglobare il rametto per tutto lo spessore.

20130701-001428.jpg

20130701-001524.jpg

Prima di toglierlo però… meglio procedere gradualmente eliminando solo una parte di ramo per poi sta carlo completamente la prossima primavera.
Per ora richiudiamo con un po’ di mastice e nastro da innesto.

20130701-001629.jpg

20130701-001645.jpg

20130701-001736.jpg

20130701-001745.jpg

Ecco la pianta…quest’anno è stata anche rinvasata e sono state sistemate un po’ le radici
20130701-001754.jpg

Annunci

Preparare le piante per una mostra

Manca poco più di una settimana alla mostra nazionale svizzera e le piante accettate per l’esposizione vanno preparate e tirate a lucido . Devo dire che a me non piace esporre piante col filo se non per piccole correzioni, il bello di esporre è avere piante tanto mature da non necessitare legature se non per qualche piccola correzione.
Le piante accettate alla mostra, con grande soddisfazione sono tre..un boschetto di faggi ( anche se necessita ancora di anni di coltivazione per formare bei rami terziari), un silvestre che ormai sta con me da molti anni ed un nuovo acquisto, una zelkova nire in stile scopa rovesciata.
Non avendo altri shoin di qualità, ho deciso di esporre la zelkova con il pino ed un’erbetta di compagnia, mentre il boschetto ( ritirato dal senesi Nicola Crivelli anni fa ) sarà esposto da solo.
La preparazione consiste principalmente nella pulitura del tronco e della base con acqua e spazzolino, del vaso e poi muschiatura.
Il vaso solitamente lo pulisco con un po’ di acqua e sapone o se sono evidenti segni di calcare con acqua e aceto, una vota asciutto lo lucido con un velo di olio di semi .
Il terreno della pianta invece lo gratto via tutto, sostituendo un po’ di akadama con terriccio nuovo e poi copro la superficie con un sottile strato di sfagno fibra lunga.
Questo serve a rendere più stabile il muschio di finitura ma anche a mantenere la pianta più umida durante la mostra
Ecco la base pulita e spazzolata

20130616-225908.jpg

20130616-225928.jpg

20130616-225941.jpg

Poi il leggere strato di sfagno
20130616-225955.jpg

20130616-230027.jpg

20130616-230011.jpg

Ed infine il muschio di finitura. Io comincio sempre dal bordo del vaso

20130616-230039.jpg

20130616-230049.jpg

Ed ecco la pianta sul bancale per qualche giorno..all’inizio il muschio è molto a nuvoletta, col passare dei giorni tenderà ad essere più naturale. Ho provato quest’anno a vaporizzare il muschio con acqua e latte senza però trovare un reale beneficio ( anzi il vaso era pieno di moscerini)..l
20130616-230212.jpg

Ed eccoci alla mostra.. Dominata da un fantastico ginepro

20130616-230238.jpg

Le piante esposte
20130616-230249.jpg

20130616-230257.jpg